I neopapà annoiano le donne (e i gay)

Qualcuno, donna o gay che sia, potrebbe forse credere che il neopapà sia una preda succulenta, da rimorchiare e frequentare per abitual diletto…  Qualche esemplare lo avvisti, nei corridoi dei centri commerciali, spingere la carrozzina contenente un bambolotto paffutello in carne ed ossa, mentre la dolce sposina al suo fianco sbircia sospirando  le vetrine dei negozietti di intimo, domandandosi se riuscirà – per la prossima estate – a sfoggiare un due pezzi, o dovrà definitivamente abdicare in favore del costume intero, magari pure a fiori… Ma tornando al neopapà, eccolo in tutto il suo splendore: sbarbato, lindo nell’abbigliamento, con quella luce dolce e calda negli occhi…  E il nostro pensiero osceno ce lo fa immaginare protagonista di un incontro clandestino, nelle vesti di caldo e focoso amante, con noi come coprotagonisti della piccante fantasticheria….  Sì, sarebbe proprio adatto uno di questi esemplari ai panni di amante affidabile, del dolce ma passionale stallone di cui chiunque in fondo è in cerca! Andrebbe benissimo, alla perfezione…

Niente di più falso!

Lasciate perdere i papà, che dopo la nascita della loro prole diventano meno maschi. Vi annoierebbero e perdereste il vostro tempo…

Difatti nei neopapà si abbassa drasticamente il livello di testosterone, e questo li rende meno virili.

Lo conferma pure un recente studio,  condotto presso la NorthWestern University.  L’interazione con i neonati interferisce con la produzione ormonale, modificando quindi la fisiologia dei neo papà. Precedenti studi avevano già mostrato che i livelli di testosterone nei padri sono mediamente più bassi di quelli degli altri uomini della stessa età e senza figli.

Il motivo di ciò è così spiegato dai ricercatori: in natura l’uomo per procreare deve essere macho, deve cioè conquistare, e per farlo ha bisogno dell’impulso dato dal testosterone. Ma quando ha procreato si deve occupare dei figli.

Inoltre  la natura ha “previsto” il calo del testosterone per proteggere la prole da eccessi paterni che in alcune specie possono causare l’atto fatale dell’uccisione dei figli.

Grazie ai bassi livelli di testosterone, inoltre, “nel tempo i neopadri potrebbero risultare protetti da alcune malattie croniche”. Un’ipotesi che spiegherebbe anche un altro dato: gli uomini single hanno una salute più fragile di quelli sposati o comunque padri.

Pensa un po’!

La morale?

  • Le mogli, per tenersi l’uomo stretto, gli mettano spessissimo in braccio il pupetto:  i livelli di testosterone circolanti si abbassano ancora di più negli uomini che si dedicano al proprio bambino per almeno 3 ore al giorno.
  • Potenziali amanti del suddetto neopapà, donne o gay che siano, girino alla larga da lui… Non c’è trippa per gatti! Anzi… non solo non tentate assolutamente approcci con questo soggetto, ma nemmeno dedicategli uno sguardo o un sorriso … non lo merita, questo longevo e per niente utile oggetto di desiderio 🙂 .

Da:

  1. Calo del testosterone per i neo papà
  2. L’arrivo di un figlio fa calare il testosterone è i papà diventano meno Maschi
  3. Meno testosterone per i neo papà 
  4. Fare il papà abbassa il testosterone
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...