GUADAGNA sfruttando quello che ti PIACE!

 

Un nuovo articolo tratto dal sito efficacemente copiaincollato affinchè permanga come in un archivio e possa leggerlo (io) quando vorrò senza dimenticarmene. Eccovelo:

Come creare un reddito passivo grazie alle tue passioni

Cosa devi sapere per creare la tua prima fonte di reddito passivo.

Lo scopo della tua vita dovrebbe essere quello di trovare il punto di intersezione tra i più grandi bisogni del mondo e le tue più grandi passioni.

Anonimo.

La scorsa settimana abbiamo visto come fare soldi senza lavorare in senso tradizionale, nello specifico ti ho parlato dei 6 modi alternativi per guadagnarsi da vivere: (1) l’impiegato frustrato, (2) l’imprenditore illuminato, (3) il trader spietato, (4) il nuovo ricco sgamato, (5) il nuovo ricco appassionato, (6) l’investitore oculato.

Questi stereotipi non hanno l’ambizione né di essere esaustivi, né di essere… “assoluti”; si tratta semplicemente di un modello per leggere la realtà, di uno strumento che utilizzo personalmente per gestire i miei progetti legati alla crescita finanziaria.

Sono infatti diversi anni che studio le molteplici modalità di generare reddito e sono giunto alla conclusione che con la crisi sistemica scoppiata nel 2008 le modalità tradizionali per guadagnarsi da vivere non siano più sufficienti a garantirci la serenità finanziaria.

Non so tu, ma io personalmente ho scarsissima fiducia nella politica ed in generale nella classe dirigente di questo paese (e non solo), quindi, piuttosto che aspettare una soluzione dall’alto, la mia soluzione preferisco crearmela da solo.

In questo articolo ti parlerò proprio di come ho generato fonti di reddito alternative, deglistrumenti pratici che si sono dimostrati per me più efficaci e di quali sono i miei obiettivi per il prossimo futuro. Ma prima una breve digressione per creare il contesto.

Il mondo è cambiato (you don’t say?!)

C’è stato un tempo in cui per raggiungere laserenità finanziaria vigevano regole piuttosto semplici: dovevi impegnarti nello studio per ottenere una laurea a pieni voti, dovevi inviare il tuo curriculum vitae in qualche importante azienda nazionale o internazionale e, una volta assunto (impresa non certo impossibile), dovevi dimostrare di essere un lavoratore diligente e scrupoloso fino al giorno della tua pensione.

Oggi invece esiste un’apartheid lavorativa: da una parte, la generazione di 40-50 enni scarsamente preparata, iper-protetta ed iper-privilegiata; dall’altra, la generazione di 20-30 enni iper-titolata, scarsamente tutelata ed iper-sfruttata.

Naturalmente si tratta di una classificazione semplicistica che nulla vuole togliere a chi si è impegnato da una vita per crearsi una carriera ed una posizione sociale, e che non vuole certo giustificare quei giovani svogliati e viziati che vorrebbero sempre la pappa pronta. Eppure questa classificazione semplicistica credo che renda bene l’idea della situazione lavorativa odierna in Italia.

Benissimo Andre, queste mega-pippe socio-politico-culturali sono bellissssssime, te lo giuro! Ma non dovevamo parlare di come posso crearmi fonti di reddito alternative rispetto al lavoro tradizionale?! Se il lavoro tradizionale non è più garanzia di serenità finanziaria, che cacchio devo inventarmi?!

Lo scopo della tua vita

In ogni cambiamento c’è una dose eguale di difficoltà ed opportunità. Anche in questa epoca così turbolenta, in cui dobbiamo affrontare grandi difficoltà, ci sono offerte grandi opportunità.

Se il lavoro tradizionale non è più un porto sicuro, abbiamo la possibilità di esplorare nuovi mari,  lasciando che le nostre vele siano sospinte dalle nostre passioni, alla ricerca dell’isola in cui è nascosto il più grande dei tesori, lo scopo della nostra vita.

Già in passato ti ho fornito alcuni consigli pratici per trovare lo scopo della tua vita. Vediamo di declinare quanto già visto, in modo che tu possa anche guadagnarci da vivere.

Lo scopo della tua vita è il punto di intersezione tra le tue più grandi passioni ed i più grandibisogni del mondo.

Tradotto in termini economici, trovare lo scopo della tua vita significa individuare quel punto di incontro tra le tue passioni, i tuoi talenti e le tue inclinazioni ed i bisogni, le esigenze ed idesideri di una nicchia di mercato che sia disposta a pagarti in cambio del valore che tu riesci a generare.

Ah… mi sembra una soluzione molto affascinante Andre’, ma poco pratica! Sai com’è, non si campa di sogni, io devo pur mangiare! Che cavolo faccio fintantoché non trovo lo scopo della mia vita?! Creo una nuova fonte di energia alternativa rigirandomi i pollici?! Lascio il mio lavoro da impiegato frustrato rincorrendo sogni tanto improbabili, quanto impossibili?!?

La soluzione: creare una fonte di reddito passivo a partire dalla tue passioni

Parlando dei 6 modi per fare soldi, ti ho detto che a mio avviso una delle soluzioni più efficaci è quella di diventare un nuovo ricco appassionato, ovvero generare reddito passivo facendo leva sulle tue passioni.

…quello che non ti ho spiegato è perché sia tanto vantaggioso perseguire questa strada. Beh, ci sono due principali motivazioni:

  1. Il reddito passivo. Generare dei piccoli flussi di reddito passivo, che si sommino e crescano nel tempo, è una strategia graduale che ben si adatta a chi non può permettersi di abbandonare l’unica fonte di reddito di cui dispone oggi e che lo impegna full time. Per generare reddito passivo non devi smarcare un cartellino, presentarti ad un certo orario o fare il pendolare: tutto quello di cui hai bisogno è un’idea di partenza (esatto, devi prendere spunto dalle tue passioni), gli strumenticorretti e la giusta dose di focus (leggiti questo articolo per imparare come trovare il tempo per le tue passioni).
  2. le passioni. L’altra motivazione per cui questa soluzione è tanto efficace, sono proprio le passioni: le passioni ti faranno andare avanti anche quando avrai difficoltà a vedere risultati sostanziosi, le passioni ti faranno sacrificare parte del tuo tempo libero per sviluppare questo progetto, le passioni ti faranno dare il 110%. Personalmente ho molta invidia per quelle persone che riescono a fare enormi sacrifici anche per lavori e progetti che fondamentalmente odiano. Personalmente, essendo un pigro dichiarato (clicca sul link prima di farti una cattiva idea!), ho bisogno della benzina delle passioni per accendere il mio motore interno.

Andre… io dico che mi hai tirato il pacco! Sono 10 minuti che continuo a leggere e ancora non ho visto un esempio pratico uno che mi spieghi da dove debba iniziare per generare la mia fonte di reddito passivo: sei una sola!!!

I molti commenti ricevuti nel precedente articolo mi hanno fatto capire che era necessario contestualizzare al meglio quanto ti spiegherò nei prossimi paragrafi. Quindi non preoccuparti, quanto letto non è stato tempo perso, ma piuttosto una serie indispensabile di passaggi per interiorizzare al meglio e mettere in pratica quanto segue.

La mia storia: come ho generato fonti di reddito passivo grazie alle mie passioni

Internet non è l’unico modo per generare redditi passivi grazie alle proprie passioni, ma è oggi il metodo più efficace, per le basse barriere all’entrata e la sua diffusione d’uso, inoltre è il metodo che conosco meglio e che mi ha permesso di generare concretamente redditi passivi di diverse migliaia di euro al mese.

Ma vediamo i 3 step attraverso i quali ho iniziato a guadagnare online.

Step 1: definisci le tue passioni e la nicchia cui rivolgerti

Lo abbiamo visto nei paragrafi precedenti, se vuoi guadagnarti da vivere grazie alle tue passioni, devi trovare il punto di intersezione tra ciò che ami fare e ciò che può essere utile agli altri.

Ricordo ancora quando nel 2008 ho iniziato a pensare di creare la mia prima attività online. Non avevo la più pallida idea di dove iniziare: avevo letto un sacco di siti che ti spiegavano come creare la tua presenza su internet, ma la verità era che ero più confuso di prima. Così, per fare chiarezza, decisi di scrivere una semplice lista delle mie passioni e dei miei talenti.

A partire da questa lista, quello stesso giorno dell’estate del 2008 ho deciso che avrei dato vita a:

“Il blog italiano sulla Crescita Personale, la Produttività, la Motivazione e le migliori strategie per raggiungere i propri obiettivi EfficaceMente.”

Avevo inoltre in mente l’immagine del lettore a cui mi sarei rivolto: uno studente universitario o un giovane professionista che condividesse la mia stessa filosofia di vita basata sul miglioramento personale e la ricerca dell’efficacia (leggiti a questo proposito il primo articolopubblicato sul blog) e che fosse alla ricerca di strategie praticheimmediate ed in grado digarantire risultati concreti.

Ambiziosetto il ragazzo! Ok, fino a qui ci sono: devo fare una lista delle mie passioni, shakerare per circa un minuto e versare il tutto all’interno di una frase che sintetizzi il mio progetto. Ma… come sei partito concretamente?!

Step 2: inizia con gli strumenti giusti e trova dei benchmark

A scuola dicevano che copiare era una cosa gravissima… beh, io credo invece che saper scegliere i giusti modelli da cui trarre ispirazione sia la chiave fondamentale per il successo.

Una volta individuate le tue passsioni e la nicchia di mercato a cui rivolgerti (termine orribile, ma che rende l’idea), fai quello che i consulenti fighi chiamano: benchmarking.

Ti posso assicurare che se vuoi creare un blog sull’età paleolitica, qualcuno l’ha già fatto prima di te e magari ci sta anche guadagnando. Fai una lista dei tuoi tuoi potenziali “competitor”: cosa stanno facendo oggi? cosa facevano 3 anni fa? come si rivolgono al proprio target? come monetizzano le proprie passioni?

Personalmente, prima di creare EfficaceMente sono stato per diversi anni un lettore appassionato di alcuni dei migliori blog americani sulla crescita personale; insomma, li ho osservati e li ho studiati a lungo.

Ma il benchmarking non basta, devi anche saper partire con gli strumenti giusti, apprendendo quelli che sono gli aspetti tecnici utili a realizzare il tuo progetto.

Io personalmente ho dedicato (sprecato) un sacco di tempo per imparare come creare un blog, installare wordpress, scrivere articoli che attirassero l’attenzione, gestire le problematiche SEO, individuare il miglior piano di hosting, etc. etc. salvo poi scoprire che esiste in Italia una sorta di Università del Guadagno Online, chiamata Cerchia Ristretta.

Cerchia Ristretta è un corso di formazione ad abbonamento mensile che ti spiega, dalla A alla Z, come trasformare le tue passioni ed i tuoi talenti in una vera e propria attività online. Sinceramente, ho sempre diffidato di chi ti spiega (a pagamento) come puoi guadagnare soldi, ma devo ammettere che Cerchia Ristretta ha il grande vantaggio di metterti tutto quello che ti serve in un unico posto e darti accesso ad una community di persone che “ce l’hanno fatta” e possono spiegarti nel dettaglio come.

Magari dai un occhio al fondatore di Cerchia Ristretta, Italo Cillo, che spiega i falsi miti del guadagno online in questo video.

Step 3: crea valore e monetizza le tue passioni

Puoi creare la più bella attività del mondo a partire dalle tue passioni, ma se non sei in grado di soddisfare i bisogni di chi ti segue, difficilmente potrai generare un flusso consistente di reddito passivo.

Tornando alla storia di EfficaceMente, nei primi 2 anni e mezzo, il blog ha generato un reddito complessivo di poche centinaia di euro. Per alcuni questo potrebbe essere considerato un fallimento, dal mio punto di vista è stato assolutamente naturale: mi hanno infatti insegnato che prima bisogna creare valore e solo dopo sarà possibile ricevere unguadagno proporzionale al valore creato.

Per il blog è andata esattamente così: con l’aumento del traffico dovuto al passaparola e ai buoni posizionamenti degli articoli di qualità sui motori di ricerca, sono aumentate anche le entrate pubblicitarie e le entrate legate ai libri ed ai corsi sui quali mi sento di mettere il mio timbro.

Ma il vero punto di svolta si è avuto con la pubblicazione della mia prima guida: Start! La guida pratica per smettere di procrastinare. Dopo aver venduto quasi 700 copie nelle prime 2 settimane del lancio, oggi Start! viene acquistata da una media di 100-150 lettori al mese.

Oltre ai commenti entusiasti di chi ha letto, sperimentato e messo in pratica i consigli contenuti nella guida, quello che mi ha colpito maggiormente sono stati alcuni commenti degli aficionados del blog, che avevano acquistato la guida, non tanto perché avessero problemi di procrastinazione, ma come una sorta di premio per le centinaia di articoli gratuiti condivisi negli anni.

Conclusioni

Spero che questa serie di articoli sul fare soldi in modo non tradizionale ti sia stata d’aiuto. Sviluppare la capacità di creare fonti di reddito a partire dalle proprie passioni e dal proprio olio di gomito credo che sia molto più importante di qualsiasi master o corso di specializzazione sul tuo Curriculum.

Mi piacerebbe che al termine della lettura definissi subito il tuo obiettivo in termine di crescita finanziaria. Eccoti il mio:

Creo una nuova fonte di reddito passivo entro il 1° settembre 2012, che genera un minimo di 1.640€ al mese per una durata di almeno 5 anni.

Ho scritto pubblicamente il mio obiettivo per 2 motivi: (1) puoi avere un riferimento sul come scrivere un obiettivo di questo tipo, (2) scrivendolo davanti a migliaia di lettori, mi prendo un impegno che sarò spinto a rispettare.

ti invito a fare altrettanto utilizzando i commenti qui sotto.

Buona settimana.

Ps. Recentemente ho ricevuto alcuni commenti ed email di questo tipo: “Io ho la passione x, come posso farci soldi?!”; vuoi sapere la mia risposta? “Boh”. Smettila di aspettare che le soluzioni arrivino dall’esterno, sei una persona abbastanza matura ed intelligente per trovartele da solo le risposte, apri quel ca**o di google ed inizia a vedere cosa hanno fatto ragazzi con la tua stessa passione nel resto del mondo, cosa si sono inventati, come si guadagnano da vivere? cit. “Dai Gianluca, ca**ooooo!!!!”

Da:

M A D O N N A : Girl Gone Wild! Ovvero, una brava ragazza impazzita…

Il nuovo video di Madonna, Girl Gone Wild, è stato rilasciato. In bianco e nero, con un glamour che evoca Vogue, ed un ritmo ipnotico. Molto ben riuscito. Pare che comprerò l’album. In originale. Madonna è una delle poche a mio avviso a meritarlo quasi sempre.

Ci sono due tipologie di maschio nel video. Le “checche” da disco, ovvero i ballerini, probabilmente gay, che in “tronchetti” da donna ballano interpretando se stessi.

E i modelli. Quelli che dovrebbero suscitare insano e smodato desiderio in chi li guarda. Quelli che avvinghiano Madonna e …l’unica cosa che sanno fare è baciarle una ciocca di capelli! Ridicoli a mio avviso. Io avrei saputo scegliere stalloni di gran lunga più appetibili e senza dovermi sforzare troppo. Ma… un momento! Madonna è la diva carismatica, e accanto a lei non possono esserci altro che “toy boy”, ovvero ragazzetti giocattolo. Come quelli del video. Maschili nell’aspetto, ma scarsamente virili nell’energia. Al contrario della splendida diva. Superfemmina e fatalissima nell’aspetto, ma dal carattere più virile di un vero uomo! Invece uomini maschili nell’aspetto e nell’energia non sarebbero stati adatti a lei…
Quanto a Madonna, splendente ed energica, è meravigliosa nella sua performance…Peccato per: la sigaretta, fumata e messa in primo piano nel video, che pare voler avallare il vizio mortifero! E per il piccolo errore dei capelli orizzontali nell’inquadratura in cui Madonna è con il corpo in orizzontale (qui sotto), mimando una improbabile posizione (ovvio che in originale l’inquadratura era verticale, e che a destra quello che sembra il muro è in realtà il pavimento):Eccovi il link al video:

http://www.youtube.com/watch?v=tYkwziTrv5o

Eccovi il testo e la traduzione :

Testo
It’s so hypnotic
The way he pulls on me
It’s like the force of gravity
Right up under my feet
It’s so erotic
This feeling can’t be beat
It’s coursing through my whole body
Feel the heatI got that burnin’ hot desi-i-i-re
And no one can put out my fi-i-i-re
It’s coming right down through the wi-i-i-re
Here it comes
When I hear them 808 drums
It’s got me singingHey, ey, ey, ey
Like a girl gone wild
A good girl gone wild
I’m like, hey, ey, ey, ey
Like a girl gone wild
A good girl gone wildGirls they just wanna have some fun
Get fired up like smokin’ gun
On the floor til the daylight comes
Girls they just wanna have some funA girl gone wild
A good girl gone wild
I’m like a girl gone wild
A good girl gone wildThe room is spinning
It must be the tanqueray
I’m about to go astray
My inhibition’s gone away
I feel like sinning
You got me in the zone
DJ play my favorite song
Turn me onI got that burnin’ hot desi-i-i-re
And no one can put out my fi-i-i-re
It’s coming right down through the wi-i-i-re
Here it comes
When I hear them 808 drums
It’s got me singingHey, ey, ey, ey
Like a girl gone wild
A good girl gone wild
I’m like, hey, ey, ey, ey
Like a girl gone wild
A good girl gone wildGirls they just wanna have some fun
Get fired up like smokin’ gun
On the floor til the daylight comes
Girls they just wanna have some funI know, I know, I know
I shouldn’t act this way
I know, I know, I know
Good girls don’t misbehave
Misbehave
But i’m a bad girl, anyway
Forgive meHey, ey, ey, ey
Like a girl gone wild
A good girl gone wild
I’m like, hey, ey, ey, ey
Like a girl gone wild
A good girl gone wildGirls they just wanna have some fun
Get fired up like smokin’ gun
On the floor til the daylight comes
Girls they just wanna have some fun

A girl gone wild
A good girl gone wild
I’m like a girl gone wild
A good girl gone wild

Traduzione
E’ così ipnotico
Il modo in cui mi prende
E’ come la forza di gravità
Fino sotto i miei piedi
E’ così erotico
Questo sentimento non può essere battuto
Scorre nel mio corpo
Sentire il caloreHo avuto un caldissimo desi-i-i-derio
E nessuno può far uscire il mio fu-u-u-oco
Sta arrivando attraverso il fi-i-i-lo
Ecco che arrivo
Quando sento le percussioni tipiche dell’808
Mi fa cantareHey, ey, ey, ey
Come una ragazza impazzita
Una brava ragazza impazzita
Io sono come, hey, ey, ey, ey
Come una ragazza impazzita
Una brava ragazza impazzitaLe ragazze vogliono solo divertirsi un po’
Essere infuocate, come una pistola fumante’
Sulla pista finchè la luce del giorno arriva
Le ragazze vogliono solo divertirsi un po’Una ragazza impazzita
Una brava ragazza impazzita
Sono come una bambina impazzita
Una brava ragazza impazzitaLa stanza sta ruotando
Deve essere il Tanqueray
Sto per andare fuori strada
La mia inibizione è andato via
Mi sento di voler peccare
Mi hai preso in zona
DJ suona la mia canzone preferita
AccendimiHo avuto un caldissimo desi-i-i-derio
E nessuno può far uscire il mio fu-u-u-oco
Sta arrivando attraverso il fi-i-i-lo
Ecco che arrivo
Quando sento le percussioni tipiche dell’808
Mi fa cantareHey, ey, ey, ey
Come una ragazza impazzita
Una brava ragazza impazzita
Io sono come, hey, ey, ey, ey
Come una ragazza impazzita
Una brava ragazza impazzitaLe ragazze vogliono solo divertirsi un po’
Essere infuocate, come una pistola fumante’
Sulla pista finchè la luce del giorno arriva
Le ragazze vogliono solo divertirsi un po’Lo so, lo so, lo so
Non dovrei comportarmi in questo modo
Lo so, lo so, lo so
Le brave ragazze non si comportano male
Comportano male
Ma io sono una cattiva ragazza, in ogni caso
PerdonamiHey, ey, ey, ey
Come una ragazza impazzita
Una brava ragazza impazzita
Io sono come, hey, ey, ey, ey
Come una ragazza impazzita
Una brava ragazza impazzitaLe ragazze vogliono solo divertirsi un po’
Essere infuocate, come una pistola fumante’
Sulla pista finchè la luce del giorno arriva
Le ragazze vogliono solo divertirsi un po’

Una ragazza gone impazzita
Una brava ragazza impazzita
Sono come una bambina impazzita
Una brava ragazza impazzita

Da:

Lo so, lo so, e lo so: la gente non vi piace. Ma dovete calarvi nella loro mentalità (se volete fare i Cool Hunter) !

Quello che segue è l’articolo tratto da www.ninjamarketing.com in cui mi sono imbattuto mentre cercavo notizie varie sul fantastico mondo del marketing, per scopi personali.  Lo so che la gente non vi piace, e che non siete minimamente interessati a comprendere i loro valori e le loro motivazioni… a meno che non possiate farlo per trarne profitto. E allora diventate dei fighissimi Cool Hunter, no?

Di cosa si tratta? Leggete qui di seguito tutto sul Cool Hunting, ovvero la Caccia di Nuove Tendenze

Cool – Figo, di tendenza: in inglese significa freddo ma, se ci pensate bene il nesso c’è: una cosa figa è una novità, un qualcosa di fresco perché appena pensato e creato – e poi nei paesi anglosassoni si usa cool per dire figo ormai da secoli !

Hunting – Caccia, da cui Hunter=Cacciatore: nel senso di ricercare, scovare, intercettare.

Cool Hunter – Cacciatore di tendenze

Semplice, no ? Bene, ora dimenticatelo!

La questione è molto più semplice e meno ludica di quello che sembra. Un mattino di primavera del 1997, quel gran simpaticone di Malcom Gladwell, dopo una notte passata a rimuginare sull’economia in mutamento dei grandi brand e la neonata pratica di saccheggiodalla strada, si sveglia e inventa la parola cool hunter. Lui, che sa perfettamente di cosa sta parlando, da studioso ed esperto dei mutamenti sociali qual è, probabilmente era ignaro dell’eco che tutto ciò avrebbe generato.

E da allora giù con articoli e dibattiti sulle testate americane più famose – TimesNew Yorker,SundayVogue, etc. – per parlare di questa nuova professione e del fatto che ci fossero personaggi particolarmente intuitivi e trendy che passeggiando per le strade di tutto il mondo riuscivano a percepire, con largo anticipo, quali sarebbero stati i futuri prodotti di successo. Fino a Naomi Klein ( 2001 ) che, attraverso il suo pluricitato libro No Logo, ha fatto conoscere anche a noi italiani questo termine – con conseguenti dibattiti di carattere etico, che ora non sto qui a riportare.

Il punto è che grandi multinazionali come Disney, CocaCola, Nike, effettivamente hanno iniziato a pagare fior di quattrini per visionare i report delle agenzie di cool hunting, innalzando in questo modo ancor più l’immagine e l’aura di mito che aleggiava attorno alla figura dei cool hunter.

Sensitivi semiotici, rabdomanti, profeti di stile e neologismi a non finire: il tutto per riuscire a dare un nome a coloro che sembravano in grado di predire il futuro !

Ma la realtà è un’altra !

L’immagine del cool hunter che va in giro per il mondo con la macchina fotografica e il taccuino per prendere appunti resta solo un’idea romantica. Sono sottigliezze complicate da spiegare, ma il punto é che forse sarebbe più corretto parlare della pratica del cool hunting, piuttosto che dell’individuo-cool hunter.

Fare cool hunting non significa altro che saper respirare lo spirito del nostro tempo.

Significa analizzare il presente per capire dove sta andando e come si sta muovendo la società, cosa le piace e cosa cercherà in un prossimo futuro: è in un certo senso anticipazione che non vuol essere però predizione, d’altronde non potrebbe esserlo.

I cool hunter non sono profeti né sensitivi, bensì persone in grado di parlare il linguaggio del nostro tempo, di vedere e cogliere segni che apparentemente sembrano nascosti. Sanno muoversi tra i vari dispositivi culturali di cui la società dispone, sanno interpretarne i ritmi. Il loro compito è essenzialmente catturare il messaggio latente e decodificarlo, dare risalto a qualcosa che già esiste ma che non è ancora un bisogno, un desiderio determinato.

Questa pratica, a metà strada tra l’antropologia e l’analisi di marketing, è ormai utilizzata da moltissime aziende che hanno bisogno di cogliere in anticipo le tendenze del mercato. E’ quel che fanno tanto gli uffici marketing di un’impresa, quanto le agenzie di cool hunting o gli istituti di ricerca – e credetemi, sono tanti !

E’ il cambiamento degli scenari socio-culturali che lo ha voluto e, il sistema non ha fatto altro che adeguarsi. Così come è accaduto con il guerrilla marketing, il viral marketing e lostickering: cambiato il consumatore e il suo linguaggio, è cambiato anche l’approccio dei brand e il loro linguaggio. Non esistono più target, ma singole personalità, o nei casi più fortunatitribù, da decodificare e capire, per poi farsi capire.

Il vero significato del fare cool hunting non è andare alla ricerca della figata del momento ma, entrare nella società, calarsi all’interno e dall’interno capire qual è il linguaggio più adatto per comunicare con essa. Al di là di ciò che è o non è cool!

Non possiamo più pensare di intenderla in questo modo. Quel meccanismo di presuntospionaggio non è più al passo coi tempi. Il vero cool hunting, se abbiamo accettato di chiamarlo così, muta col mutare dei tempi e oggi, quando tutto si muove ormai alla velocità della luce, dobbiamo spazzar via il cool hunter-guru e decretarne la morte, anzi, considerare l’idea che probabilmente siamo già tutti potenziali cool hunter!

La Rete, grazie alla gente che ha voglia di dire, scoprire e passare informazione e conoscenza il prima possibile e ovunque nel mondo e grazie, anche, alle sue caratteristiche di condivisione e collaborazione del sapere, ha reso accessibile a tutti le medesime informazioni. In qualsiasi momento vogliamo, tutti noi, abbiamo accesso agli stessi mezzi e alle stesse modalità di comunicazione e, il più delle volte, il nostro modo di agire somiglia molto al fare cool hunting!

Ora, se volete chiamarli cool hunter, fatelo pure – anche per il piacere di coloro che vi diranno:Cul-…che? Ah ah ah! – ma tenete bene a mente quanto detto fin ora cercando di dare il giusto peso e il giusto significato al tutto.

Da Kokoro, con l’umile intento di far chiarezza.

Approfondimenti

Per leggere di più sull’argomento, per sapere chi pratica ufficialmente cool hunting, quali sono le agenzie e gli istituti di ricerca più conosciuti e chi sono i big clients che se ne servono, date uno sguardo ai links qui sotto.

Articoli

Agenzie di Cool Hunting e Istituti di Ricerca

Cool Hunting in Rete

Altri articoli sull’argomento:

L’importanza dei modelli (se ovunque trovi gente che non ti piace né t’ispira…)

 

Dei modelli? Ma quali modelli? Quelli delle passerelle? …

Eh, no!

Ma andiamo per gradi….

Ti volti a destra. Ti volti a manca. Ti guardi indietro. E pure davanti, guardi. Ma niente… Nisba!  A casa, ci sono quei coinquilini arenati. In ufficio i colleghi stantii. Per strada le nuove generazioni ti fanno venire i brividi. E ti si aggroviglia pure l’intestino per la rabbia che ti fanno… In televisione, in politica, e su… e giù… Insomma, ovunque o quasi vedi gente che non ti piace e non ti ispira…

Hai bisogno di una boccata di ossigeno. Un’iniezione di fiducia. Una pozione rinvigorente per la tua anima un pochino ambiziosa…

Ed allora rivolgiti ai tuoi modelli! Alla gente che ti ispira. Alle parole che ti mettono il fuoco nelle vene. Ai film che ti motivano. Ai libri che ti caricano d’energia con il loro messaggio…

Insomma rivolgiti ai tuoi modelli!

Ogni tanto “riprendo fiducia” nel mondo guardando  M A D O N N A … Rivedo i video, i film, o ascolto le sue canzoni, guardo la pellicola biografica “Madonna:Innocence Lost” … Lei che è fuggita a New York, lasciando la famiglia ed il college, con pochi spiccioli, per realizzare il sogno della sua vita. Lei che da ballerina ha poi cambiato “settore”, capendo che “solo la musica e non la danza può renderti famosa in tutto il mondo”. Lei che apprezza i valori, ma è emblema anche della trasgressione non triviale… Lei che muta di continuo. E crea mode e tendenze. Lei che ha talento. Lei che è un marchio. Lei che è commerciale. E ben confezionata. Lei che ha usato tutte le armi di cui disponeva per arrampicarsi in alto e raggiungere il successo: compresi il sesso, gli attacchi alla religione, gli affronti alla morale e al pudore, alla famiglia, alla sessualità canonica ed eterosessuale…

Guarderai le immagini entusiasmanti del tuo modello, ma non dimenticare mai da dove viene (e che probabilmente parti anche tu in condizioni simili) :

E che non tutto è come sembra, e che quello che conta sono i risultati, il prodotto, l’obiettivo finale, la meta:

Galleria: